NEWS

Intervista a Raül Rota - CMP Trail Team

Ciao Raul, quando e perché hai cominciato a correre? E quali distanze preferisci?

Ho cominciato a correre perché i miei genitori erano maratoneti e per tutta la mia vita sono stato immerso nel mondo della corsa e delle gare. Ho cominciato a correre dai 5 fino a 10 km in strada e oggi la mia specialità è fare 21 km in montagna, ma vado forte anche nelle classiche maratone da 42 km.

Come e dove ti alleni? ANDY5117 min compressed

Ho un gruppo di runners chiamato “Rarunning” e qualche volta ci alleniamo insieme. Sono anche un allenatore, ho una particolare filosofia dell’allenamento in cui credo fortemente. 

Quanto importante è per te l’attività sportiva nella tua vita?

Ho studiato INEF (studi per l’Educazione Fisica) e ora lavoro in una scuola primaria insegnando Educazione Fisica. Lavoro anche in una palestra, insegno personal training, spinning, fitness e altri ancora.

Quali sono i tuoi risultati degli ultimi sei mesi?

4° posto in 21km Vall del Congost, Catalunya, 

2° posto in 12km Roc Gros. Catalunya,

3° posto in 21km Trail Costa Brava. Catalunya.

1° posto Pirines championship canicros (4 days races)

2° posto in Batega el Bac. (29km). Catalunya

4° posto in Marathon 42km Trail Cap de Creus. Catalunya.

15° posto in Marathon 42km Zumaia. Pais Basque. Espanya Championship.

IMG 1141 min compressedSecondo te, quali sono le differenze principali tra le gare di trail in Spagna e in Italia?

Per me le differenze tra le gare spagnole e quelle italiane sta nella qualità dell'organizzazione. Per esempio, nel CMP Trail Bassano tutti i runners sono stati trattati più che bene, la gara è organizzata molto bene e i servizi connessi ad essa erano molti efficenti.

Un sogno che vorresti realizzare?

Il mio obiettivo per l’anno 2018/2019 è ritornare in Italia per partecipare nuovamente al CMP Trail di Bassano del Grappa, e mi piacerebbe anche partecipare in una o due gare del campionato mondiale, come quella di Zegama per esempio.

CMP Trail 2018: ti vedremo nella linea di partenza?

Quest’anno sarà speciale per me perché un mese prima della gara mi sposerò e starò un mese tra il Nepal e la Thailandia. Le mie condizioni fisiche probabilmente saranno peggiori rispetto allo scorso anno, ma ho bisogno di ritornare e combattere per tenere salda la mia posizione nel podio. Quest’anno ci sarà anche mia moglie che correrà la short!

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per restare informato sul programma
Valore non valido